Ti trovi in -> Home Arte

Arte

PDF  Stampa  E-mail 

I fasti e la gloria di Naso antica, affiorano sopratutto dal cospicuo patrimonio d'arte che il centro ancora conserva. Di epoche storiche diverse, le testimonianze artistiche ed architettoniche più significative si segnalano sopratutto per la coesistenza e la stratificazione di stili compositi, frutto dell'influenza di varie correnti culturali.

Di grande interesse è la Chiesa Madre, dedicata ai Santi Apostoli Filippo e Giacomo, non solo quale riferimento sacro dei Nasitani, ma sopratutto per la sua valenza storico artistica. A tre navate, in stile rinascimentale, la chiesa conserva innumerevoli opere d'arte, pitture e sculture, in particolare. Caratteristica, la presenza di ben dieci altari laterali dedicati a vari Santi. Molto interessanti un Crocifisso ligneo del '600 e un tabernacolo gaginiano. Il campanile adiacente ha apice piramidale, mentre sul prospetto è inserito un antico orologio.

A dominio della sottostante vallata è la chiesa di San Cono, protettore del centro nebroideo del quale, in una splendida cripta, autentico capolavoro del barocco siciliano, si custodiscono le spoglie mortali. La chiesa può essere considerata uno straordinario gioiello dell'arte cinquecentesca con i suoi archi in pietra sorretti da colonne e capitelli in stile dorico. Pitture di autori vari ascrivibili temporalmente al '600 completano l'arredo dell'edificio chiesastico. Da sempre ammantate di mistero, suscitano curiosità ed interesse le catacombe della chiesa. Di notevole pregio architettonico è il campanile annesso, l'unica struttura dell'edificio originale, di epoca quattrocentesca.

La chiesa del Santissimo Salvatore si distingue per il suo splendido prospetto barocco, il sagrato in cotto nasitano e la doppia torre campanaria. All'interno, completano l'arredo sacro un trittico marmoreo di Antonello Gagini raffigurante le sembianze della Vergine degli Angeli che stringe il Bambino, una statua in legno raffigurante la Madonna col Bambino ed altri capolavori d'arte. Dalla chiesa prende il nome l'omonimo rione. Un'altra importante presenza artistico - architettonica è rappresentata dal Convento dei Frati Minori Osservanti di San Francesco. Ubicato su un poggio a dominio della vallata sottostante, il cenobio ha subito nel tempo vari rimaneggiamenti.

 

 

Naso city pubblicazione sul Wall Street International, a cura di Francesca Joppolo:   http://wsimag.com/it/cultura/20966-la-cappella-del-rosario-a-naso

La Cappella del Rosario a Naso

Una concentrazione di simboli sapienziali ed esoterici

cappella-del-rosario-naso piccola 40.jpg
La Cappella del Rosario a Naso

Quando la Cappella del Rosario fu restaurata e aperta al pubblico, alcuni visitatori persero il sonno e se si addormentavano sognavano angeli, aquile e pietre filosofali almeno per una settimana. In quei giorni, il profumo del caffè mattutino aveva l’effetto di un allucinogeno: accadeva di essere ancora a letto e vedersi attorniati dalle magnetiche sculture.

La Cappella del Rosario è a Naso, Sicilia, nella Chiesa matrice dedicata ai santi Filippo e Giacomo ed è capolavoro del marmorarius Bartolomeo Travaglia, appartenente a una famiglia di artisti carraresi arrivati a Palermo fra il1570 e il 1662. È molto bella, ma lo sconvolgimento appena descritto non è dovuto alla Sindrome di Stendhal causa di mancamenti di fronte a opere evocative, bensì a una concentrazione di simboli di verità sapienziali ed esoteriche che, secondo la rivista Sophia Arcanorum, è paragonabile solo a quella della Cappella di Rosslyn, asilo scozzese dei Cavalieri Templari. È un labirinto culturale, dove la storia dei miti e la filosofia dell’antica Grecia si inseriscono nella teologia, un labirinto ideale per intraprendere un pellegrinaggio, spirituale per chi si sente vocato, di conoscenza per chi è refrattario a certe sirene.

“La cappella spiega il cammino di evoluzione dell’uomo, che tende sempre all’immortalità, fa scoprire la nostra religione mostrando che i simboli greci ed ebraici non sono contraddittori con il Cristianesimo e ti mette al centro del tuo essere - dice Maria Giovanna Calcerano, autrice con don Pio Sirna del volume La Cappella del Rosario. La ri-trovata identità della persona pubblicato da Europa edizioni -. Illustra la congiunzione degli opposti perché il corpo non è in contraddizione con l’anima”.

Calcerano è avvocato e la causa che più l’appassiona è lo studio dei marmi bianchi di Carrara e rosa di San Marco d’Alunzio, lavorati con maestria dal Travaglia; visitare con lei la Cappella del Rosario è come assistere a un gioco d’artificio, rapiti dai simboli che indica, quasi ballando, da una lesena all’altra. Alla fine si è esausti e lei è contenta di averti tramortito con i misteri e gli enigmi di un percorso iniziatico che le risulta essere unico, una fusione fra tutte le sapienze e tutte le religioni, infatti la Cappella è apparsa sia sulle pagine di Famiglia Cristiana che sulla già citata Sophia Arcanorum.

Perché a Naso? Calcerano ritiene che l’appartato e aristocratico paese, equanime nel guardare le Isole Eolie e l’Etna, distante dodici chilometri dalla costa, fosse sulla via dei Templari. Sebbene cacciati dalla Sicilia da papa Urbano IV, processati e fatti fuori in Francia da Filippo il Bello nella prima metà del Trecento, perché ormai troppo facoltosi e influenti, i cavalieri dell’ordine religioso-militare fondato nel 1119 da Ugo di Payns per scortare i viaggiatori diretti a Gerusalemme, infatti non sarebbero mai scomparsi. Semplicemente non li vediamo in giro avvolti nel mantello bianco ornato con la croce rossa, ma non avrebbero rinunciato a perpetuare la loro sapienzialità, arricchitasi nei secoli, fatta di gnosi egizia, giudaismo, cristianesimo, islamismo, massoneria.

Calcerano fornisce qualche elemento per orientarsi nel dedalo della Cappella detta anche Cappella dei marmi: “Intanto il messaggio è che tutto in Natura è buono e il negativo viene dalla mente dell’uomo. L’essere umano allo stato aurorale, simboleggiato da Eva, conosce la morte e quindi comincia la ricerca dell’immortalità. I simboli del primitivo sono in basso, il pensiero superiore sempre in alto. Ma Ermete Trismegisto (il “tre volte grandissimo” autore della letteratura ermetica di tarda età ellenistica e padre dell’alchimia per gli uomini medievali e rinascimentali n.d.r.) nella Tavola Smeraldina dice che ciò che è in basso è come ciò che è in alto, e ciò che è in alto è come ciò che è in basso”.

Calcerano ha decodificato molti segni, ma avverte che la decifrazione è senza fine. Ecco che ci racconta la melagrana: “Per gli Ebrei era il frutto sacro. Rappresentava, con i suoi innumerevoli semi, le tante virtù che l’uomo saggio deve coltivare, nel buio della sua interiorità, per garantirsi l’immortalità. Contrariamente ai suoi chicchi, la buccia amara indica il discepolo che sa selezionare il bene e scartare il male, oppure il discepolo che sa trovare nel gusto amaro della vita, il dolce sapore dell’amore verso Dio”.

Il viaggio comincia sulla parte trabeata della cappella con la rappresentazione del Sacro Graal, grande coppa con due manici dai quali scaturisce l’albero paradisiaco della vita. Non possiamo illustrare tutte le fasi dell’esplorazione, sennò questo articolo avrebbe velleità iniziatiche mentre l’autrice è socratica e sa di non sapere, ma possiamo anticipare al visitatore che dovrà cercare la rosa blu del mito di Narciso ed Eco, la rosa rossa che è la Passione di Cristo, la Fontana mercuriale con il suo fluido metallo, il pellicano, l’uccello che si squarcia il ventre pur di nutrire i figlioletti, per i Rosacroce l’emblema dell’abnegazione, la conchiglia, sormontata dalla lettera alfa, il Verbo. Poi il nodo di Salomone, il simbolo della libera muratoria capace di unire elementi diversi, la stella o otto punte ovvero la stella dei Sumeri portata in Occidente dai templari. E la Madonna nera, la pigna, i corvi di Odino, i leoni. Se chiedete a Calcerano di accompagnarvi, ne sarà ben lieta.

Naso city pubblicazione sul Wall Street International, a cura di Francesca Joppolo, collegamento al sito con articolo originale:   http://wsimag.com/it/cultura/20966-la-cappella-del-rosario-a-naso

1 una-parete-con-le-statue-marmoree 50.jpg2 raffigurazione-di-eva 50.jpg3 una-parete-con-le-statue-marmoree 2-50.jpg

4 il-dio-apollo-ovvero-leta-aurea-delluomo 50.jpg5 la-fenice 50.jpg6 coniunctio-oppositorum 50.jpg

Didascalie

  1. Una parete con le statue marmoree
  2. Raffigurazione di Eva
  3. Una parete con le statue marmoree
  4. Il dio Apollo ovvero l'età aurea dell'uomo
  5. La Fenice
  6. Coniunctio oppositorum

 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Don Pio Sirna - Maria Giovanna Calcerano

La Cappella Del Rosario

La Ri-Trovata identità della persona

Naso(ME) Pubblicazione libro “La cappella del Rosario”

 

Si ringrazia per la collaborazione il Dott. Alfio Manoli Presidente dell’Associazione “La città ideale 2014″ e l’ Avv. Salvatore Ragusa.